Home » Nutrizione » Ricetta del pandoro in versione semplificata

 

Preparare in casa il dolce tipico veronese non è una passeggiata ma il pandoro è in grado di regalare grandi emozioni anche ai meno esperti, a patto di seguire scrupolosamente la ricetta che ti proponiamo e che compare sul blog www.misya.info.

Per la biga

65 gr di farina 0 forte

30 gr di acqua

14 gr di lievito di birra fresco

La biga, è un preimpasto che permette di ottenere la perfetta lievitazione del pandoro e si prepara sciogliendo nell’acqua tiepida il lievito e formando insieme alla farina una palla liscia e omogenea.

L’impasto deve lievitare fino al raddoppio in un luogo caldo e riparato.

Per il primo impasto

120 gr di farina 0 forte

50 gr di zucchero

1 uovo intero sbattuto

Lavorare la biga aggiungendo poco a poco gli ingredienti fino a completo assorbimento. È consigliabile usare una planetaria per amalgamare bene gli ingredienti senza surriscaldare l’impasto.

Lasciare riposare l’impasto fino al raddoppio dentro una ciotola al caldo e coperto con un panno.

Per il secondo impasto

250 gr di farina 0 forte

130 gr di zucchero

20 gr di miele

2 tuorli

1 cucchiaio di essenza di vaniglia

la buccia grattugiata di un limone non trattato

3 uova intere

185 gr di burro a pomata

Riprendere a lavorare il primo impasto aggiungendo gradualmente, e solo dopo che il precedente ingrediente sarà assorbito, farina, zucchero, miele, tuorli, limone e vaniglia. Quando l’impasto è stabile e gli ingredienti ben amalgamati aggiungere le uova intere fino a completo assorbimento. Senza fretta e avendo cura di farlo assorbire bene dall’impasto è il momento di aggiungere il burro morbido ma non liquido.

Dopo essere stato lavorato a lungo l’impasto diventa elastico e liscio, si stacca dalle pareti della ciotola e se stirato mostra il classico velo, sottile e trasparente.

Sulla spianatoia leggermente infarinata si lavora l’impasto per ottenere la palla che andrà nella forma del pandoro abbondantemente imburrata dove lieviterà fino al momento di andare in forno.

Quando l’impasto raggiunge pochi centimetri dal bordo potrà essere infornato a 150° per 45 minuti.

Una volta cotto dovrà riposare per mezzora nel suo stampo prima di essere sfornato, a questo punto il pandoro dovrà raffreddarsi completamente su una griglia che consenta il passaggio dell’aria.

Per gustare al meglio il pandoro sarà necessario pazientare ancora un giorno perché i suoi aromi si amalgamino. Spolverizzare di zucchero a velo e servire a fette.